Il Diritto di contare

Risultati immagini per il diritto di contare

Credo sia familiare a tutti quella sensazione strapiacevole che si prova dopo aver visto un film che fa breccia nel cuore e allerta tutti i sensi…la vista ovviamente, l’udito attraverso la voce ipnotica di alcuni doppiatori, i sensi per via dell’inebriante energia che pervade lo schermo e ti arriva dritta come un colpo di fioretto.

Risultati immagini per il diritto di contare

Prima ancora di andare al cinema già sapevo che il film mi sarebbe piaciuto, gli elementi c’erano tutti: fatti storici realmente accaduti, segregazione razziale, una sfida pacata intelligente ed estremamente dignitosa, una sfida rabbiosa e totalmente orientata ad un obiettivo che non preveda alcun fallimento come la missione Apollo e la rivalità con quella che era l’unione Sovietica degli anni’60. Ecco Il Diritto di Contare mi ha pienamente soddisfatta e lo stesso è avvenuto con mio figlio di dieci anni e con i suoi nonni di settanta. Un film diretto ad un pubblico vasto e differente, ben calibrato tra la rappresentazione della vita privata delle protagoniste e quella lavorativa incespicata in una salita irta di ostacoli più o meno palesati, si perchè se da un lato le difficoltà legate alla discriminiazione razziale erano evidenti non lo erano altrettanto le vere e proprie difficoltà matematiche ed ingegneristiche che ostacolavano la riuscita del progetto che coinvolgeva la Nasa e la reputazione di un intero continente.

La trama? Presto detta:  “Nella Virginia segregazionista degli anni Sessanta, la legge non permette ai neri di vivere insieme ai bianchi. Uffici, toilette, mense, sale d’attesa, bus sono rigorosamente separati. Da una parte ci sono i bianchi, dall’altra ci sono i neri. La NASA, a Langley, non fa eccezione. I neri hanno i loro bagni, relegati in un’aerea dell’edificio lontano da tutto, bevono il loro caffè, sono considerati una forza lavoro flessibile di cui disporre a piacimento e sono disprezzati più o meno sottilmente. Reclutate dalla prestigiosa istituzione, Katherine Johnson, Dorothy Vaughan e Mary Jackson sono la brillante variabile che permette alla NASA di inviare un uomo in orbita e poi sulla Luna. Matematica, supervisore (senza esserlo ufficialmente) di un team di ‘calcolatrici’ afroamericane e aspirante ingegnere, si battono contro le discriminazioni (sono donne e sono nere), imponendosi poco a poco sull’arroganza di colleghi e superiori. Confinate nell’ala ovest dell’edificio, finiscono per abbattere le barriere razziali con grazia e competenza.”(da MyMovies)

Risultati immagini per il diritto di contare

Basato sul libro Hidden Figures: The Story of the African-American Women Who Helped Win the Space Race di Margot Lee Shetterly

La mia non vuole essere una recensione, solo un punto di vista che mi porta altresì a sottolineare la bellezza, l’eleganza e il fascino dei vestiti nelle fogge e nei colori e stile tipico degli anni ’60, ma non solo. Le tre protagoniste hanno un gusto invidiabile e tanto da insegnare anche in termini di comportamento verso gli uomini, verso i figli, verso il lavoro, verso l’ostililtà di una società che si portava un retaggio fasullo e sconsiderato. E’ esplicativo di ciò il momento in cui una delle protagoniste si vede costretta a rubare un libro dalla biblioteca del paese, atto che di per sè potrebbe stonare  e risultare disdicevole in realtà si dimostra la decisione migliore dal momento che sarà proprio grazie a questo libro e alla determinazione ad imparare che potrà poi insegnare alle colleghe come programmare il primo IBM aiutandole così a non perdere il lavoro e a diventare indispensabili alla Nasa, aprendo la via a tante altre donne a prescindere dal colore e dalla nazionalità.

Non tutto quello che si vede nel film risponde a verità, Shetterly – l’autrice del libro da cui è tratto il film – ha commentato la cosa dicendo: «Nel bene e nel male, esiste la storia vera, poi ci sono il libro e il film. Il tempo andava condensato, e la stessa cosa vale anche per alcuni personaggi secondari» quindi i temi principali sono veri ma alcuni passaggi e personaggi sono inventati o veri solo in parte.

Le tre donne protagoniste sono la matematica Katherine Johnson, l’aspirante ingegnere aerospaziale Mary Jackson e la matematica Dorothy Vaughan. Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monae sono bravissime nelle loro interpretazioni, da menzionare anche gli altri interpreti del film come Kevin Costner, Kirsten Dunst e Paul Stafford.

Risultati immagini per il diritto di contare

Il diritto di contare era candidato a tre Oscar (Miglior film, Miglior sceneggiatura non originale e Spencer come Miglior attrice non protagonista), ha vinto il premio per il Miglior cast assegnato dal SAG, il sindacato degli attori, e i critici ne parlano in modo positivo.

Il film finisce con il successo della missione Friendship 7, e con la Luna che diventa un obiettivo ragionevole. Vaughan divenne una grande esperta di FORTRAN, un importante linguaggio di programmazione dell’epoca, che si vede anche nel film. Si ritirò nel 1971 e morì nel 2008. Jackson lavorò alla NASA fino al 1985, poi si dedicò al supporto delle donne e delle minoranze; morì nel 2005. Johnson calcolò poi anche le traiettorie per le missioni Apollo 11 e Apollo 13. Andò in pensione nel 1986 e nel 2015 ha ottenuto da Barack Obama la Medal of Freedom (Medaglia della Libertà), la più alta onorificenza civile degli Stati Uniti e ora un importante centro di ricerca della NASA è a lei intitolato. Di recente la si è vista agli Oscar. (Tratto da Il Post)

Lo rivedrò con piacere questo film, ripassare certi insegnamenti non fa mai male e se imparerò qualcosa di nuovo ne sarò ben felice.

Un piccolo utile suggerimento glamour!

Benritrovati tutti, è un piacere salutarvi tutti in questo 2017 appena iniziato e carico di aspettative che speriamo saranno almeno in parte rispettate…per ben cominciare ho pensato di postare un suggerimento che alla lunga può davvero tornare utile in tutte le stagioni.

Gennaio è il mese dei grandi sconti, delle occasioni uniche per potersi accaparrare accessori dei big brand a prezzi rivisti e in un certo senso limitati. Provate a pensare al solito tubino che avete nell’armadio, al tailleur pantalone che da anni non si riesce a ringiovanire, al vestito in voile che avete già indossato con gli anfibi, i sandali e le classiche decoltè e che ora aspetta che vi inventiate qualcosa di nuovo….pensate anche alla gonna in tulle o bouclè, al cropped pant, insomma provate ad immaginarvi con i vostri outfit abbinati ad una decoltè gioiello talmente bella da catalizzare in toto il look. Qualche esempio:

Se avete voglia di fare un giretto in Rinascente troverete un mondo scintillante che vi aspetta e tanti sconti che saranno sicuramente di aiuto nella scelta della vostra scarpina perfetta. Optando per la Rinascente una volta effettuata la vostra scelta potrete gustarvi un ottimo cappuccino o cafè al piano ristoro immersi un un ambiente più che piacevole con piena vista sulle guglie del Duomo. Ma non temete, se il portafoglio vi guida verso spese più contenute, i negozi che offrono calzature di siffatta bellezza si trovano senza problemi e c’è sempre l’alternativa dell’acquisto on line attraverso i siti come Sarenza, Zalando e via così’. Adesso concentratevi e pensate a che effetto farà il vostro look con un accessorio così unico e fashion! Io la mia scarpa l’ho scelta e vi garantisco che fa sempre la sua figura!

 

Black Friday!

black-friday-offerte.jpg

Benritrovata gente, siete pronti? siete già in corsa? Il black friday è una grande opportunità da sfruttare a tutto tondo senza indugi e senza remore! Vuoi mettere poter acquistare grazie ai saldi e risparmiare regalandosi tante soddisfazioni? Perchè proprio di questo si tratta: una giornata di mega sconti non solo nel mondo dell’abbigliamento, quest’anno anche il colosso Apple ha avviato promozioni e interessanti offerte, quindi ce ne è per tutti i gusti.

E se gli sconti sono concessi solo su collezioni vecchie? Chi se ne importa? La moda è un cerchio e tutto torna, quanti capi della precedente stagione possono essere indossati fieri anche quest’anno e lo saranno anche in futuro? Quindi bando alle ciance e ai dubbi, lanciatevi tra acquisti comodi da casa attraverso il web oppore con una sana passeggiata nelle vie a voi più congeniali e già che ci siete provate a fare anche i regali di natale, sarete soddisfatte e orgogliose delle vostre imprese!

OVS e JEAN PAUL GAULTIER

Ciao e benritrovati tutti 🙂 Andiamo subito al sodo perchè la notizia è eccellente! Desiderate acquistare a prezzo contenuto un capo da sera della collezione JPG? Allora correte da OVS perchè dal 19 novembre gli stores del brand metterano in vendita una collezione disegnata appositamente dal genio ribelle, il garcon più cool del panorama francese, per intenderci irriverenza creativa messa interamente a disposizione del mondo fashion.

9-1.jpg

Se temete di non fare in tempo potete collegarvi al sito e acquistare on line dal 18 novembre, ci saranno a disposizione circa 60 pezzi, comprendono abbigliamento e accessori uomo/donna, ideati per lo più per un super party di fine anno, quindi perchè negarsi un’opportunità simile?

Qualche anticipazione? Vi ricordate l’abito indossato da Bianca Balti alla Mostra di Venezia? Ok ve lo ripropongo qui:

bianca-balti-mostra-del-cinema-di-venezia-2016-4

Un altro esempio? Ecco l’abito chiodo indossato da Matilde Gioli al Festival di Roma:

matilde-gioli-620x481

JPG è istrionico e a 64 anni compiuti è moderno e stiloso come non mai. OVS si è rivolta a lui dopo aver ottenuto un successone grazie alle precedenti collaborazioni illustri con: Elio Fiorucci, Costume National, Matthew Williamson, Kristina Ti e Alberto Aspesi.

Ricordate che la creatività di Gaultier si è caratterizzata in tutto il panorama mondiale, famosi i costumi creati per Madonna, di richiamo le sue pubblicità anticonvenzionali con modelli anziani, con tattoo e piercing, in sovrappeso e avidamente reali non patinati.

Una vera occasione da non lasciarsi sfuggire, siete pronti? 😉

 

La tecnologia in Europa è firmata Dutti

Ciao a tutti e benritrovati, siamo arrivati al mese di novembre, autunno inoltrato anche se la temperatura non è quella tipica della stagione…spero che abbiate trascorso giornate rilassanti e che la notte di Halloween vi abbia portato un pò di magia e qualche pensiero positivo, per me è stato così vedendo i bambini travestiti da zombie che suonavano il campanello per la raccolta dolci!!!

Women-Area-Ground-Floor-7-massimo-dutti-950x633.jpg

Tornando alla moda vorrei ricordarvi il post che avevo dedicato a Massimo Dutti e la Spagna in arrivo a Roma, ebbene è di questi giorni la notizia che nel palazzo caro agli spagnoli in quel di Barcellona e cioè Casa Ramón Casas, Massimo Dutti ha aperto lo store più tecnologico d’Europa.

Vi riporto il link all’articolo di Vanity fair che è dettagliatissimo: Leggi qui

Il negozio è votato totalmente alla tecnologia con camerini dotati di scanner per definire al meglio taglie e look e proporre articoli per completare l’outfit, la possibilità di monitorare con app la merce e finalazzare gli acquisti con un facile check out sono altre features assolutametne apprezzabili.

Ci piace moltissimo l’idea che la moda restauri un palazzo storico rendendogli lo splendore di un passato di echi trascorsi, ci rende orgogliosi e curiosi per quelle meravigliose maioliche che ricoprono il terrazzo da cui si può ammirare l’opera di Gaudi la Pedrera, fantastica! Barcellona è vita allo stato puro, ci sono stata più volte e mi ha sempre riempito il cuore di emozioni e colori, quindi se avete in mente di fare un viaggetto e non avete ancora pensato alla meta, riflettete…potrebbe essere questa, non ve ne pentirete!!!

Moda Curvy

vanessa-incontrada

Nel mondo moda è bello potersi riconoscere a prescindere dalla taglia che si ha, è risaputo che la moda è maggiormente indirizzata a corpi fililformi dove le curve non sempre sono ben accette e comunque per essere ben valorizzate devono accompagnarsi ad altezza, proporzione e portamento.

Ecco che Elena Mirò ha ingaggiato una fantastica ragazza di nome Vanessa Incontrada per disegnare una capsule collection per l’autunno-inverno 2017 – 2017 dedicata a chi ha una taglia oltre la 44. La collezione è stata presentata nella settimana della moda milanese nello store di Piazza della Scala.

Le linee morbide dei tagli couture si adagiano sulla silhouette con grazia e ben si sposano con i tessuti scelti spaziando dallo chiffon e seta al tweed e al tartan nei toni chiccosi (lasciatemelo scrivere così) del bianco e nero, fino ai grigi e ai blu, colore che può diventare sportivo o elegante a seconda dell’abbinamento scelto. L’eleganza della collezione si coniuga al comfort e alla praticità della donna metropolitana esaltandone la fisicità.

curvy_banner-fall_lookb-ook_noemi

La Incontrada sarà inoltre il volto della campagna pubblicitaria della collezione e questo ci piace, anche e soprattutto perchè prima di lei anche Noemi aveva dato volto alla campagna Remix di Fiorella Rubino sempre rivolta al mondo curvy.

L’augurio? Che altri stilisti aprano al mondo delle donne con una fisicità mediterranea perchè di spazio ce nè tanto e spesso manca l’offerta  fashion ferma alla taglia 44!!!!

Vanity Fashion Chat

alicia-vikander-cover_260x173

Partecipare ad un evento di Vanity Fair, incontrare giornaliste professioniste deliziose, fotografi di fama e presenter QVC gustando dolci sopraffini accompagnati da calici di buon vino mentre si commentano le sfilate è una sorta di mondo magico fatato che per oggi per me si è trasformato in realtà.

Partiamo con ordine, vi spiego.

Qualche giorno fa ho letto su Vanity Fair l’invito aperto a lettori e lettrici a partecipare ad un “salotto di commento” alle sfilate che nella settimana della moda milanese sono assolute protagoniste del capoluogo lombardo ed eventi imperdibili per chi ama la moda nella sua totalità. Inviata la mail con l’auto candidatura questa mattina mi è arrivata la conferma e nel pomeriggio mi sono presentata al Mandarin Oriental Hotel nel cuore di Milano dove ho incontrato le redattrici e giornaliste di Vanity. Ho potuto dare un volto alle persone il cui lavoro vedo realizzato in uno dei miei giornali preferiti di settimana in settimana, ho toccato con mano la professionalità, la cordialità e l’eleganza non solo nel vestire ma nel porsi e relazionarsi con gli ospiti e i semplici lettori blogger come me. cristina-manfredi-polaroid_280x185

Tra tutte vorrei citare la Signora Cristina Manfredi, una cascata di ricci rossi che incorniciano un’esuberanza di autentica competenza, la sua semplicità mi ha conquistata in pochi secondi e ho ascoltato rapita alcuni aneddoti che ci ha raccontato avendo vissuto il backstage delle sfilate ed avendo incontrato direttamente tante ospiti vip tra cui la stessa Gigi Hadid (vi ricordate l’articolo che ho postato qualche giorno fa?). Cara signora Manfredi lei con le sue colleghe fa un lavoro splendido che sicuramente ha tanti momenti difficili e richiede un grande impegno, ma resta un lavoro che le invidio dal profondo del cuore! Le confesso che sarei superfelice se volesse prendermi in considerazione per qualsiasi altro evento la redazione Vanity volesse organizzare, ne sarei più che orgogliosa!

download-5     1446648944251

Alle splendide donne di Vanity si sono accompagnate due presenter di QVC che conosco molto bene dato che seguo il canale di vendita da diversi anni, Chiara Centioni e Iaia De Rose giunte all’appuntamento in compagnia dei loro fedeli amici Verde e Giorgio, due amabili cagnolini che sono stati bravissimi per tutto il tempo. Ancora più belle dal vivo, dolci e rassicuranti sono state una conferma piacevolissima dell’idea che avevo di loro e hanno reso un contributo molto interessante nel coniugare il mondo patinato e quasi irraggiungibile delle sfilate ed il mondo delle telespettatrici di un canale che spesso è centrato sulla moda e quindi può coglierne alcune esigenze attraverso le vendite e le richieste dirette.

Argomento clou le sfilate della giornata e quindi di Armani, Etro, Versace, Elisabetta Franchi e  Bottega Veneta e di alcuni stilisti emergenti come Marco De Vincenzo che celebra le frange e crea similsculture con i tessuti (vedete sopra una blusa con cucitura che si trasforma in manica e un bellissimo completo verde bosco).

Ho amato particolarmente la sfilata di re Giorgio apprezzando la scontata classe, la raffinatezza e facendomi avvolgere completamente dai suoi blu, dai tessuti lucidi e vellutati e dai richiami asiatici che donavano romanticismo attraverso questi fiori morbidi accennati.  (Si veda sotto)

Mi ha colpita molto anche Etro che ci proietta nell’etnico rivisto e adattato al contesto cittadino, forse più difficile da cogliere e capire ma dai tessuti di una bellezza unica, caldi e avvolgenti, vedi sotto.

Infine vorrei sottolineare i 50 anni di Bottega Veneta che attraverso una costante proposta della vera artigianalità italiana e di una tradizione che si rinnova mantenendo saldo il principio di sobria eleganza ha portato in passerella Gigi Hadid accanto a Lauren Hutton. Due donne bellissime, due stili che non si fanno ombra a vicenda ma al contrario dimostrano che il fascino può declinarsi in tanti modi. Lauren Hutton a 72 anni è splendida e dimostra che anche le rughe, se ben portate, possono essere eleganti e richiamare un grande rispetto.

94add5f9-ad1b-49e6-b0f9-9ca30fa7960e.jpg

Sobrio, professionale e molto cordiale il Signor Giandomenico Puglisi a cui è stata affidata download-4 la direzione creativa dello spot di una nota acqua minerale che vede protagonista Cindy Crawford per conto dell’agenzia The Beef che è stata incaricata di realizzare la campagna stampa. Vi confido un piccolo aneddoto che ci ha svelato: la super top model oltre ad essere ancora bellissima è una seria professionista che va a letto presto e mangia sano, un vero esempio da seguire!

Lasciatemi fare i complimenti al maitre patissier dell’Hotel che ha realizzato dei dolci semplicemente meravigliosi e squisiti. Anche i dolci che decoravano i tavolini e che riproducevano scarpette e bauletti Louis Vuitton erano davvero belli e per un momento mi hanno evocato alcune vetrine di Harrods dove i cioccolati e i dolci prendono forme fantastiche nascondendo sapori unici. In realtà il riferimento va al servizio realizzato sul numero 38 di Vanity a pag. 184 “Maneggiare con cura” dedicato alle borse di Dior, Luois Vuitton, Valentino, Gucci, Etro, ferragamo, Armani, prada, Chanel, Fendi. Non chiedetemi la mia preferita, davvero non potrei scegliere.

Vorrei ringraziare ancora Vanity per l’invito e per avermi fatto un regalo così bello! Per un breve lasso di tempo ho potuto far parte di un mondo che amo profondamente e che vivo con passione, è stato meraviglioso!