La scelta di Edith di Edith Eva Eger

Mi piace leggere da sempre, adoro i libri da sempre e li ho sempre considerati amici, punti fermi imprescindibili per una ricerca di sè. Uno dei più bei libri che abbia mai letto è La Scelta di Edith scritto dalla Dr. Edith Eva Eger e vorrei parlarvene.

“Una psicologa sopravvissuta ai lager ci insegna a superare i traumi del passato attraverso la resilienza”

images (32).jpg

Facciamo un’inciso: Resilienza in psicologia si definisce come la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà, di adattarsi o superare un cambiamento. Indica la capacità di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà, di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza alienare la propria identità. Parlare di cambiamento rispetto al trauma dei campi di concentramento penso si possa definire un eufemismo, ma scegliere di essere liberi è un diritto, un dovere, un atto di immenso amore per se stessi e la vita.

Edith Eva Eger aveva sedici anni quando la sua vita cambiò per sempre, condotta ad Auschwitz dove la sua famiglia fu sterminata, riuscì a sopravvivere con la sorella alla tortura di Mengele e venne in seguito condotta a Mauthausen dove fu salvata dagli americani mentre si trovava in mezzo ai cadaveri. Dopo la guerra si trasferì negli Stati Uniti e qui studiò psicologia, unì competenze professionali ed esperienza diretta specializzandosi nella cura di pazienti affetti da disturbi da stress post traumatici. Ha insegnato a tante  persone che “il peggior campo di concentramento è la propria mente” e che libertà e guarigione iniziano quando si è pronti ad affrontare il proprio dolore.

Nel libro ci racconta la sua vita prima, durante e dopo i campi di concentramento, alternando la storia di ciò che le è capitato e i casi che ha seguito come psicologa, i rimandi che da psicologa la portavano a capire e districare ciò che era ancora irrisolto e che non la rendeva del tutto libera. Il tutto con uno stile così aggraziato ed elegante che è quasi impossibile interrompere la lettura e certi passaggi ve li rileggerete più volte perchè vi ci vedrete dentro fino al midollo.

Edith ha novant’anni e vive in California e ancora danza perchè la danza l’ha salvata, l’ha resa forte dentro e l’ha portata alla libertà con un coraggio e una fierezza che sono doti rare.

“Nessuno potrà portarti via quello che hai messo nella tua mente”

“Accogli ciò che ti fa paura e sei libera”

“Quando arriviamo a credere che non c’è modo di essere amati e di essere autentici rischiamo di negare la nostra vera natura”

“Perdonare è doloroso: si soffre per quello che è accaduto, per quello che non è accaduto, e si rinuncia al bisogno di un passato diverso. Si accetta la vita com’era e com’è”

“L’Anima non muore mai”

“Rimaniamo vittime fintantoché consideriamo un’altra persona responsabile del nostro benessere”

Viktor Frankl (neurologo, psichiatra e filosofo austriaco, uno fra i fondatori dell’analisi esistenziale e della logoterapia) diceva: “la ricerca di un significato è la motivazione principale della vita di un uomo(…).Questo significato è unico e specifico per ciascuno di noi e ognuno di noi deve e può raggiungerlo…”

EdithEvaEger_web.jpg

La scelta di essere liberi è l’insegnamento più importante, io lo ripeto ogni giorno a mio figlio perchè ci credo fino i fondo e penso che sia la chiave per la felicità e l’autorealizzazione.

Grazie Edith per i tuoi insegnamenti, grazie per avermi insegnato tanto e per avermi lasciato un testo che torno a leggere spesso, un piccolo manuale che mi aiuta sempre quando sono in difficoltà.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...