Il pizzo ci rende glam

Espressione di femminilità, etereo, intrigante e pudico, ammiccante alla sensualità o adepto di un bon ton che si costruisce intorno, il pizzo torna prepotentemente dopo l’estate e alleggerisce pull oversize, giacche e maglioni ricordandoci una femminilità di cui è da sempre il massimo esponente.

Ne avevo già scritto nel post I pantaloni di pizzo e sono contenta di poter nuovamente citare questo tessuto romantico e sofisticato riportando di seguito alcuni esempi di come può essere impiegato per donarci un pizzico di sensualità anche nella quotidianità sempre secondo buon gusto e raffinatezza sovrana.

Eccolo indossato in solitaria come  La Pencil Skirt  o come sottogiacca o sotto un pull morbido in cachemire per dare un effetto dolcissimo e molto soft, abbinato ai jeans, lo vediamo far capolino dal maglione di lana, declinato come vestito, in abbinata alla pelle per un eccentricità unica e modernissima che ben si coniuga con ankle boots o beatles boots di stramoda quest’anno! Nessun divieto a scegliero colorato, da Zara io ho trovato una pencil skirt verde salvia simile all’immagine in figura e vi garantisco che abbinandola al grigio e al nero da un outfit di gran tendenza. Nel nero rimane sempre molto sofisticato e quando gioca sul vedo non vedo è sempre l’eccellenza della raffinatezza.

Qualche altro esempio della collezione autunno inverno 2016-2017?

Se non si esagera e ci si ricorda che non si è su una passerella, sempre considerando le nostre proporzioni e il contesto in cui ci poniamo niente ci vieta di indossare il pizzo con disinvoltura e assoluta modernità, grintoso, dai contrasti a volte forti ma ben calati nel quotidiano, magari strizzando l’occhio all’underground, al punk o volgendo verso un mannish style rubando qualche idea al guardaroba maschile come per esempio un bel completo tailleur pantalone alla Marlene Dietrich con sottogiacca in pizzo per un look andro-chic sofisticato. Anche le dive del passato possono insegnarci qualcosa 😉

Come i reali del presente, ecco Sua Altezza la principessa Kate ad un evento con un abito in pizzo sobrio ed elegante.

kate

Io il mio pezzo forte della stagione l’ho acquistato, e voi?

 

 

Annunci

Un tuffo da Celio

Promessa è promessa…eccoci da Celio 🙂 Se avete letto il post PT Pantaloni Torino saprete che avrei scritto questo articoletto su Celio grazie al suggerimento di Marco.

Partiamo dall’a,b,c…Celio è una marca di moda pret a porter maschile francese dedicata ad un pubblico giovane ma pretenzioso, desideroso di essere alla moda con capi di buona qualità e fattura, benchè non sartoriali ovviamente. Si schiaccia l’occhio al gusto metropolitano, al junk street style, anche un pò hipster (barba, zaino, stile easy and go) con rigore nella proposizione dei colori e abbinamenti, date un’occhiata alla collezione “Bonjour l’Automne” sicuramente troverete qualche capo di cui vi innamorerete, magari anche da regalare al ragazzo, compagno, marito di turno 😉

download (1).png

PT Pantaloni Torino

Ciao a tutti, benritrovati…partiamo da venerdì cogliendo al volo il suggerimento di due colleghi sempre molto eleganti che curano la propria immagine accompagnandola con autentico charme… logopt-1

Cominciamo con Giacomo e la finestra aperta su PT pantaloni Torino, marca non famosissima ma di eccellenza pura. La qualità italiana che si manifesta nell’esteriorità dei tessuti e texture e nel design che si arricchisce di particolari anche all’interno risultando delicato e piacevole all’indosso, una vera carezza. Nel concept è racchiuso uno studio dedicato a materiali e tecnologia votata ad una resa eccellente del prodotto. Le linee prodotto sono quattro:

PT01 pantalone formale da uomo a taglio sartoriale;  PT05 di gusto informale ; PT01 Woman; PT Bermuda.

Non sono prodotti a basso costo, qui la qualità ha un costo che va rispettato e condiviso, ma la vestibilità è unica proprio perchè i modelli sono sartoriali e partono dalla fisicità e proporzioni di chi indossa il capo.

pt01-capital-chino

Nel prossimo post vi parlerò di Marco e la sua passione per i brand Aldo e Celio 🙂

Lo smalto è viola

Dolcetto o scherzetto? Siete pronti? Halloween è alle porte e sarà divertente, soprattutto per chi ha bambini, addobbare la casa con scheletri, ragnatele, ragnetti, zucche e varie ed eventuali all’insegna della magia della notte più misteriosa e mistica dell’anno. Che importa se la festa la “rubiamo” agli americani?, Se i bambini sono contenti e hanno un’occasione in più oltre al carnevale per travestirsi e divertirsi, ben venga a parer mio!

Il mio contributo si concentrerà sullo smalto, rigorosamente viola scuro per risaltare sull’outfit e perchè adoro quel colore, che peraltro è di estrema tendenza in questa stagione. In commercio le tonalità si sprecano e se ne trovano di bellissimi, date un’occhiata qui:

Lucidi, opachi, brillantinati, omogenei, pagliuzzati, rinforzanti, ad effetto gel, colorati, trasparenti insomma il mondo dedicato è immenso e sicuramente troverete quello che fa per voi, fosse anche solo per una sera e per rinventarsi giocando!

D’obbligo una stesura corretta della vernice, volete un approfondimento? Ecco date un’occhiata qui 🙂

 

H&M, Kenzo e il colore folk

Forse vi ricorderete che qualche tempo fa scrissi un post intitolato H&M new guest star dove vi invitavo ad indovinare lo stilista che avrebbe collaborato con il colosso svedese nell’anno in corso…ecco svelato il mistero: l’artista prescelto è KENZO.

Colori vivacissimi, animalier reinventato e attualizzato, geometrie sospette, tanta ironia, richiami all’oriente si tendono verso congiunzioni di etnie diverse e ricerca del nuovo per identificarsi in uno stile unico che non sempre mette tutti d’accordo per la sua stessa natura e concept. Di sicuro è estremamente interessante ed energizzante.

Certo lo stile non è così semplice e all’indosso possono sorgere delle difficoltà soprattutto considerato il contesto in cui si portano certi capi per cui mi viene da sottolineare che la collezione non sia così banale, ma d’altro canto va assolutamente riconosciuta l’originalità dei capi, per cui anche l’aquisto di uno di essi magari in abbinata con qualcosa di classico già presente nei nostri armadi potrebbe sortire l’effetto fresco e new fashion di cui si è sempre in ricerca. Volete un esempio? Vi accontento subito, qui di seguito un abitino della collezione a sinistra e a destra indossato da Jessica Alba:

Non mi resta che augurarvi un buon giretto shopping da H&M per potervi sbizzarrire nella scelta del vostro capo preferito firmato Kenzo 🙂

Tanta voglia di semplicità

Ciao e ben ritrovati 🙂 Mi sono assentata qualche giorno per dedicarmi al nuovo membro della famiglia, un pelosetto nero con due occhioni meravigliosi di cui ci siamo innamorati seduta stante, un micino di nome Noce che ora è assoluta parte della famiglia.

Nel corso della settimana ho sfogliato diverse riviste, Grazia, Tu Style, Vanity Fair, visitato siti on line e ho avuto la conferma di quanto già pensavo da un pò e cioè che nel turbinio della moda e in tutto ciò che ci ha stupito e abbagliato nel corso della Milano e Parigi fashion week si è anche ristabilita una sorta di voglia di semplicità e “normalità” attraverso outfit molto metropolitan e easy way.

Le It girls per eccellenza Olivia Palermo e Alessia Chung sono pienamente allineate allo stile minimal, raffinato ed elegante, mai sbagliato, mai eccessivo e perfetto in qualsiasi contesto. Una certa Coco Chanel era solita affermare che “..less is more” esortava a specchiarsi prima di uscire e a togliere qualcosa.

Non vi sarà sfuggito lo stile minimal e semplice di Kate Middleton Windsor o quello basico di Angelina Jolie o Cate Blanchett musa di Armani e sua testimonial in clothes and parfums.

Un ultimo pensiero: semplicità è anche risparmio, a  volte con un capo solo si può risultare moderne e talmente fashion da surclassare l’outfit più ricercato e costoso, pensate al tranch coat e date un’occhiata alle immagini qui sopra riportate, che ne dite?