Moda Curvy

vanessa-incontrada

Nel mondo moda è bello potersi riconoscere a prescindere dalla taglia che si ha, è risaputo che la moda è maggiormente indirizzata a corpi fililformi dove le curve non sempre sono ben accette e comunque per essere ben valorizzate devono accompagnarsi ad altezza, proporzione e portamento.

Ecco che Elena Mirò ha ingaggiato una fantastica ragazza di nome Vanessa Incontrada per disegnare una capsule collection per l’autunno-inverno 2017 – 2017 dedicata a chi ha una taglia oltre la 44. La collezione è stata presentata nella settimana della moda milanese nello store di Piazza della Scala.

Le linee morbide dei tagli couture si adagiano sulla silhouette con grazia e ben si sposano con i tessuti scelti spaziando dallo chiffon e seta al tweed e al tartan nei toni chiccosi (lasciatemelo scrivere così) del bianco e nero, fino ai grigi e ai blu, colore che può diventare sportivo o elegante a seconda dell’abbinamento scelto. L’eleganza della collezione si coniuga al comfort e alla praticità della donna metropolitana esaltandone la fisicità.

curvy_banner-fall_lookb-ook_noemi

La Incontrada sarà inoltre il volto della campagna pubblicitaria della collezione e questo ci piace, anche e soprattutto perchè prima di lei anche Noemi aveva dato volto alla campagna Remix di Fiorella Rubino sempre rivolta al mondo curvy.

L’augurio? Che altri stilisti aprano al mondo delle donne con una fisicità mediterranea perchè di spazio ce nè tanto e spesso manca l’offerta  fashion ferma alla taglia 44!!!!

Annunci

Blogger e influencer

3bd40ef8af816981e064e7cfefd0f1f8

Mi piace essere blogger, semplicemente. Poter trasformare una passione ed interesse in articoli da condividere e avere un posto speciale dove scambiarsi con altre blogger idee e convinzioni è come avere una finestra sempre aperta su un mondo glamour che si rinnova costantemente non dimenticando però uno stile e una tradizione che hanno radici lontane. E’ anche innegabile che it girl, blogger e influencer hanno radicalmente cambiato il contesto sociale e insieme a vip e personaggi più o meno celebri influenzano considerevolmente le idee degli stilisti e i trend di un settore che macina miliardi e fa lustro al nostro paese da sempre ammirato per la magia che sa esprimere nel fashion. Ne ho avuto ulteriore conferma qualche giorno fa partecipando al Vanity Fashion Chat e notando come le it girls siano all’apice della scala di gradimento e abbiano così tanti follower da essere prese in considerazione anche dalle testate giornalistiche più note a livello mondiale.

11307445-four-beautiful-young-women-with-shopping-bags-over-white-background-stock-photo

Il mio blog è veramente giovane, ma è ben seguito e mi ha dato la possibilità di partecipare ad alcuni eventi legati al mondo moda e cosmesi permettendomi di vivere momenti davvero entusiasmanti. La moda peraltro è da sempre una mia passione unita alla ricerca di uno stile che dia carattere e permetta alla personalità di emergere senza prevaricare. Non mi piace sgomitare o apparire sempre ed ovunque, ma lo spazio che occupo nel mondo social è ben condiviso e vedo che il blog è apprezzato per una sua raffinatezza di espressione e immagine oltre che di contenuto.

Mi capita spesso di ricevere conferme di quanto scrivo, dei consigli che posto, degli articoli che condivido, quindi penso con sincerità e massima umiltà che sia la strada giusta da percorrere e continuerò a farlo.

I miei giornali preferiti sono delle ancore e dei fari preziosi, sono appuntamenti imprescindibili nel corso della settimana e lavorare al blog con passione è un’occasione per fare un pò parte delle loro redazioni anche se in maniera del tutto virtuale! Mi collego spesso on line ai siti di questi settimanali traendo ispirazione da alcuni loro articoli, prendete ad esempio l’articolo su Alexa Chung pubblicato su Grazia, ecco un modo originale e nuovo con cui portare la pelle/similpelle. L’universo moda è totalizzante e per me comprende cosmesi e altri temi di interesse che spesso si mescolano con outfit e accessori.

fashion-schools-plr-articles-1

Allora state con me e riprendiamo il nostro viaggio di blogger, come sempre commenti e suggerimenti sono più che graditi!

 

Vanity Fashion Chat

alicia-vikander-cover_260x173

Partecipare ad un evento di Vanity Fair, incontrare giornaliste professioniste deliziose, fotografi di fama e presenter QVC gustando dolci sopraffini accompagnati da calici di buon vino mentre si commentano le sfilate è una sorta di mondo magico fatato che per oggi per me si è trasformato in realtà.

Partiamo con ordine, vi spiego.

Qualche giorno fa ho letto su Vanity Fair l’invito aperto a lettori e lettrici a partecipare ad un “salotto di commento” alle sfilate che nella settimana della moda milanese sono assolute protagoniste del capoluogo lombardo ed eventi imperdibili per chi ama la moda nella sua totalità. Inviata la mail con l’auto candidatura questa mattina mi è arrivata la conferma e nel pomeriggio mi sono presentata al Mandarin Oriental Hotel nel cuore di Milano dove ho incontrato le redattrici e giornaliste di Vanity. Ho potuto dare un volto alle persone il cui lavoro vedo realizzato in uno dei miei giornali preferiti di settimana in settimana, ho toccato con mano la professionalità, la cordialità e l’eleganza non solo nel vestire ma nel porsi e relazionarsi con gli ospiti e i semplici lettori blogger come me. cristina-manfredi-polaroid_280x185

Tra tutte vorrei citare la Signora Cristina Manfredi, una cascata di ricci rossi che incorniciano un’esuberanza di autentica competenza, la sua semplicità mi ha conquistata in pochi secondi e ho ascoltato rapita alcuni aneddoti che ci ha raccontato avendo vissuto il backstage delle sfilate ed avendo incontrato direttamente tante ospiti vip tra cui la stessa Gigi Hadid (vi ricordate l’articolo che ho postato qualche giorno fa?). Cara signora Manfredi lei con le sue colleghe fa un lavoro splendido che sicuramente ha tanti momenti difficili e richiede un grande impegno, ma resta un lavoro che le invidio dal profondo del cuore! Le confesso che sarei superfelice se volesse prendermi in considerazione per qualsiasi altro evento la redazione Vanity volesse organizzare, ne sarei più che orgogliosa!

download-5     1446648944251

Alle splendide donne di Vanity si sono accompagnate due presenter di QVC che conosco molto bene dato che seguo il canale di vendita da diversi anni, Chiara Centioni e Iaia De Rose giunte all’appuntamento in compagnia dei loro fedeli amici Verde e Giorgio, due amabili cagnolini che sono stati bravissimi per tutto il tempo. Ancora più belle dal vivo, dolci e rassicuranti sono state una conferma piacevolissima dell’idea che avevo di loro e hanno reso un contributo molto interessante nel coniugare il mondo patinato e quasi irraggiungibile delle sfilate ed il mondo delle telespettatrici di un canale che spesso è centrato sulla moda e quindi può coglierne alcune esigenze attraverso le vendite e le richieste dirette.

Argomento clou le sfilate della giornata e quindi di Armani, Etro, Versace, Elisabetta Franchi e  Bottega Veneta e di alcuni stilisti emergenti come Marco De Vincenzo che celebra le frange e crea similsculture con i tessuti (vedete sopra una blusa con cucitura che si trasforma in manica e un bellissimo completo verde bosco).

Ho amato particolarmente la sfilata di re Giorgio apprezzando la scontata classe, la raffinatezza e facendomi avvolgere completamente dai suoi blu, dai tessuti lucidi e vellutati e dai richiami asiatici che donavano romanticismo attraverso questi fiori morbidi accennati.  (Si veda sotto)

Mi ha colpita molto anche Etro che ci proietta nell’etnico rivisto e adattato al contesto cittadino, forse più difficile da cogliere e capire ma dai tessuti di una bellezza unica, caldi e avvolgenti, vedi sotto.

Infine vorrei sottolineare i 50 anni di Bottega Veneta che attraverso una costante proposta della vera artigianalità italiana e di una tradizione che si rinnova mantenendo saldo il principio di sobria eleganza ha portato in passerella Gigi Hadid accanto a Lauren Hutton. Due donne bellissime, due stili che non si fanno ombra a vicenda ma al contrario dimostrano che il fascino può declinarsi in tanti modi. Lauren Hutton a 72 anni è splendida e dimostra che anche le rughe, se ben portate, possono essere eleganti e richiamare un grande rispetto.

94add5f9-ad1b-49e6-b0f9-9ca30fa7960e.jpg

Sobrio, professionale e molto cordiale il Signor Giandomenico Puglisi a cui è stata affidata download-4 la direzione creativa dello spot di una nota acqua minerale che vede protagonista Cindy Crawford per conto dell’agenzia The Beef che è stata incaricata di realizzare la campagna stampa. Vi confido un piccolo aneddoto che ci ha svelato: la super top model oltre ad essere ancora bellissima è una seria professionista che va a letto presto e mangia sano, un vero esempio da seguire!

Lasciatemi fare i complimenti al maitre patissier dell’Hotel che ha realizzato dei dolci semplicemente meravigliosi e squisiti. Anche i dolci che decoravano i tavolini e che riproducevano scarpette e bauletti Louis Vuitton erano davvero belli e per un momento mi hanno evocato alcune vetrine di Harrods dove i cioccolati e i dolci prendono forme fantastiche nascondendo sapori unici. In realtà il riferimento va al servizio realizzato sul numero 38 di Vanity a pag. 184 “Maneggiare con cura” dedicato alle borse di Dior, Luois Vuitton, Valentino, Gucci, Etro, ferragamo, Armani, prada, Chanel, Fendi. Non chiedetemi la mia preferita, davvero non potrei scegliere.

Vorrei ringraziare ancora Vanity per l’invito e per avermi fatto un regalo così bello! Per un breve lasso di tempo ho potuto far parte di un mondo che amo profondamente e che vivo con passione, è stato meraviglioso!

..e ancora grazie grazie grazie!

likeable-blog-1337-2x.png

1337 like!

Abbiamo raggiunto tutti insieme un bellissimo risultato in pochissimo tempo, si perchè senza il vostro consenso i vostri like non sarei mai arrivata fin qui!

Che posso dire? Sono soddisfazioni!!! Forse non tutti capiranno, ma per coloro che come me aprono un blog e lo curano con attenzione e autentica passione rimanendo fedeli a se stessi e lavorando con deontologia dato che non si pubblica su un diario privato ma su uno spazio aperto a chiunque e quindi si cerca di procedere con un codice morale, con sobrietà e verità, questi sono risultati che ripagano alla grande, quindi GRAZIE A TUTTI!

Blu navy and black

Ebbene si lo ammetto pubblicamente ecco qua: adoro la combinazione blu navy col nero.

ce72f7a1ecbfe89d7c0b3e41e048c2d6

Partiamo col chiarire che il blu navy è il colore che qui vedete in immagine presa direttamente dal Pantone e quindi nessun dubbio in merito.

Non credo sia necessario riportare anche l’immagine del nero ad ogni buon conto vorrei spendere qualche parola nel ricordare che da sempre al nero si è abbinato un altro blu con tacita approvazione del mondo moda globale, mi riferisco al blu elettrico, di fatti l’abbinata blu elettrico e nero era di gran moda negli anni ’80 e si è riproposta altalenandosi in accordo con le tendenze moda risultando sempre abbastanza elitaria e sofisticata a mio parere.

come-abbinare-i-colori-nero-e-blu-elettrico-in-un-look-da-lavoro

L’abbinamento del blu navy col nero invece era considerato out, uno sgarbo al mondo del gusto e del fashion finchè un signore di nome Yves Saint Laurent (l’inchino è dovuto) stravolse i canoni tutti e mandò in passerella abiti che proponevano proprio la fantomatica abbinata di colori e fu un gran successo.

Nel tempo a prescindere dalla condivisione o meno della riuscita cromatica io ho sempre indossato i due colori trovandoli deliziosi, intriganti e molto sensuali insieme. A dirla tutta penso che alle more stiano particolarmente bene e donino un fascino particolare. Certamente è importante abbinare correttamente anche i tessuti e gli stili anche se ultimamente le passerelle hanno visto l’unione di texture diverse e mai accostate tra loro in precedenza. Pensate al velluto che va estremamente di moda di questi tempi, ebbene una bella blusa in velluto blu navy abbinata ad un pantalone serioso nero in tessuto tecnico o fresco lana vi darà un’allure che non passerà di certo inosservato.

Anche i vip se ne sono accorti, da Michelle Obama a Victoria Beckham…. Che ne dite? Ci volete provare?

Tag plus tag

Ripartiamo da un doppio tag e un ringraziamento a Benesserebellezzablog che mi ha citata, mi scuso anche per il ritarduccio…

Questo doppio tag è fresco e divertente e coinvolge le categorie di cosmesi e luoghi, io aggiungo la sfida ad un tago solo moda rilanciando ai prossimi nominati 😉

Il primo tag: “Se fossi una marca sarei…”

  1. se fossi un rossetto…

sarei Rouge Noir di Chanel, raffinato, elegante, determinato. 1ch807l23109

2. se fossi un ombretto…

sarei essence I love nude, pratici adatti a qualsiasi base e per qualsiasi outfit

ombretti-nude-essence-1-1

3. se fossi una palette sarei…

sarei Palette nude color riche di l’Oreal, dai toni vellutati basici fino al bordeaux e vinaccia che ben si sposa all’occhio cioccolato

loreal-la-palette-nude-2-3-700x525

4. se fossi una borsa sarei…

Artsy tela monogram di Louis Vuitton, la adoro da quando è stata disegnata. Capiente ma stilosissima e con manico severo che fa da contrasto alla morbidezza della forma. Fatta per me, un sogno.

louis-vuitton-artsy-mm-tela-monogram-borse-da-donna-m40249_pm2_front-view

5. se fossi un profumo sarei…

Rive Gauche di Yves Saint Laurent, non lo indosso da tempo ma evoca ricordi e sensazioni che amo ricordare rivts17

 

      6. se fossi una crema…

sarei la crema corpo all’ambra liquid dei Coloniali, ha una profumazione che mi fa impazzire e mi rispecchia pienamente

l-erbolario-ambraliquida-crema-per-il-corpo-con-estratto-di-liqu-small-13776-754

7. se fossi un blush…

sarei un rosato antico che dona luminosità e romanticismo

0607845040620.jpg

Ed ora sfoghiamoci col secondo tag e liberiamo la voglia di viaggiare…indicherò luoghi per me fantastici tralasciando un’ordine di importanza

 

  1. Gran Canyon e Bryce Canyon, li ho visti e vissuti e mi si sono piantanti nel cuore. Ho respirato libertà e quel senso di essere veramente parte di un mondo che va ben oltre noi e le nostre individualità, quei colori mi sono rimasti nel cuore.

 

download-3

      2.  NY, la città in cui vivrei, che non dorme mai e dove tutto è realmente possibile

new-york-city

      3. Giamaica, Negril la spiaggia che mai dimenticherò

negril-caribbean-beach

       4. Formentera l’isola che io e mio figlio amiamo definere nostra per la serenità che ci               regala durante le vacanze

formentera-illetas

       5. Londra la vitalità, il fermento, un’esplosione di trend in mezzo all’Europa

Cabine téléphonique et bus rouges à Londres (UK)

E ora tocca  voi amici, il tag è libero, divertitevi e regalateci le vostre idee!!! fateci sapere cosa vi piace 🙂

 

GRAZIEEEEEEEEEEE

followed-blog-100-2xVi dico grazie e sono felice di condividere con tutti voi questo piccolo traguardo che da tanta soddisfazione.

Mi impegnerò per cercare di continuare ad interessarvi e coinvolgervi e sarò ben lieta di ascoltare e raccogliere i vostri commenti e le vostre indicazioni.

Ripartiamo da qui con rinnovato entusiasmo e tanta gioia di essere parte dinuna comunità di blogger!

Un abbraccio virtuale 🙂