Havaianas, belle, belle, bellissime

Le Havaianas sono un’istituzione, ne ho viste tramandate di padre in figlio, non la ciabattina in sè naturalmente ma il modello, ricordo per esempio quelle gialle con i profili blu e la bandierina del brasile, oppure quelle gialle e verde oppure quelle blu sempre con la bandierina del Brasile e così via.

Ce ne sono di tutti i tipi e i negozi dove si possono acquistare li trovate in Corso Buenos Aires n. 52 oppure in stazione Centrale, forse ce ne sono anche altri…

Quest’anno mio figlio ha scelto il modello Star Wars, evviva!!! Su una ciabattina c’è Darth Vather e sull’altra un Drone. Eccole qua:  download (15)

A me sono state regalate selvagge panterate:  download (16)

ma veramente i modelli sono tantissimi e coloratissimi:   e non possono mancare modelli dedicati ai più piccini…

download (17)  download (18).jpg

Vi ricordo che in alcuni negozi si possono anche personalizzare con charms di brillantini che vengono applicati o a pressione o a gancio….a piacere…

Da avere!!!!

Annunci

Tattoo….

Non so se ci avete fatto caso ma aprendosi la stagione in giro fanno bella mostra di sè i tatuaggi ed è normale dato che indossando più facilmente abiti meno castigati, tipo t-shirt, short, mini o pantaloni culottes e canotte e via a seguire si vedono con maggiore facilità e vengono esposti come gioielli e tratti distintivi di caratterizzazione. Possono piacere o meno, c’è chi li ama e chi li odia, coloro a cui piacciono visti sugli altri ma non su se stessi e coloro che vorrebbero farsene uno ma non sono convinti.

Ecco partiamo dal presupposto che prima di fare un tattoo bisogna a mio parere essere assolutamente convinti del tattoo in sè e del tipo di tatuaggio che si va a imprimere sulla propria pelle perchè una volta fatto resterà con noi a lungo a meno di cancellarlo con la laser terapia che tuttavia è costosa e abbastanza dolorosa e lascia comunque alcune tracce. Essere determinati nella scelta del soggetto da tatuarsi e scegliere un tatuatore riconosciuto che usa strumenti monouso e che sterilizza la qualunque, dall’ambiente, al banco di appoggio, ecc. Questo è fondamentale perchè beccarsi l’epatite C è un attimo.

Scegliere il punto da tatuare è altrettanto fondamentale dato che si devono tenere presente i possibili cambiamenti che si avranno nel tempo, per essere proprio chiara e trasparente un punto del proprio corpo a vent’anni ha una resa mentre a sessanta potrebbe essere leggermente diverso (pensate all’addome, alle gambe, alle braccia..), potrebbe per esempio perdere di tonicità e quindi non piacervi più per via del cambiamento.

Detto questo se siete assolutamente convinte procedete pure….seguite le indicazioni che vi vengono date per le medicazioni e la cura, che sono minime ma importanti e se potete scegliete un periodo non troppo caldo per effettuare il tatuaggio per evitare di esporlo presto al sole o bagnarlo in acqua di mare o piscina.

Se vi state chiedendo cosa ne penso io…beh è semplice: a me piacciono e ne ho alcuni, ma non grandi e in posizioni strategiche cioè che posso coprire se dovessi trovarmi in ambiti o situazioni in cui si richiede una certa forma….download (14)

Sono tantissimi i vip tatuati, vi riporto la mia preferita….

Pochette trasparenti

Di ritorno da Londra in aeroporto mi hanno aperto il trolley bagaglio a mano perchè conteneva una pochette “non trasparente” che conteneva creme, olio per capelli e altri prodotti in confezioni mini al di sotto dei 50 ml. Il punto, mi è stato spiegato (intendendo che avrebbero dovuto fermarmi anche in aeroporto in Italia) è che la pochette che contiene i prodotti dovrebbe essere trasparente per dare modo ai macchinari di fare una scansione approfondita  dei liquidi e similari….

Allora piccolo consiglio: se state per imbarcarvi o in prospettiva delle vacanze estive, qualora doveste prendere un aereo, vi suggerirei di munirvi di allegre bustine trasparenti come queste:

download (11)  download (13).jpg

…dicasi allegre perchè legate al concetto vacanza ovviamente 😉

In alternativa anche dei semplici sacchettini trasparenti tipo quelli che usate per riporre in frigo il cibo possono andare benissimo:

download (12).jpg  Buon viaggio e buon divertimento!!!!

Le ragazze di Jane Austen

Come sapete sostengo sempre le iniziative che incontro lungo il mio cammino e che reputo meritevoli, pochi minuti fa ho letto un articolo su Vanity Fair on line di Matteo Gamba che invita ad acquistare il libro “Le ragazze di Jane Austen”, volume scritto a dodici mani con il supporto dell’Accademia della Felicità. Così facendo si contribuisce alla fondazione Pangea Onlus dedicata allo sviluppo di progetti al femminile in Italia, India e Afghanistan.

Le-Ragazze-di-Jane-Austen1-225x300.png

Le autrici a cui dobbiamo dire grazie sono: Valentina Bergamante, Anna De Pascalis, Lisa Manini, Alessia Perrino, Serena Poletto Ghella e Veronica Dolce.

Le eroine cui si riferisce il titolo sono ovviamente le protagoniste dei libri di Jane Austen, che io ho amato profondamente, amo tuttora e amerò per sempre dato che sono donne libere, intelligenti, indipendenti, innovative all’ennesima potenza e scevre da preconcetti legati ad un’epoca piuttosto poco incline alla figura pensante femminile (in realtà alle donne  erano riconosciuti pochi diritti, ma erano assolute protagoniste della storia anche di quegli anni). I libri cui si fa riferimento sono:

  1. Orgoglio e Pregiudizio (io sono ancora innamorata di Darcy)
  2. Ragione e sentimento (eredità e crucci familiari si ripetono nei secoli)
  3. Mansfield Park (la rettitudine è una virtù d’altri tempi?)
  4. Persuasione (a volte ci sono seconde chance…anche Bridget Jones insegna)
  5. Emma (mi ama, non mi ama, mi ama, non mi ama…)

Per alcuni di questi sono anche stati girati diversi film per chi volesse approfondire il tema.

Ultima riflessione: vero che i libri furono scritti nel 1800, ma debitamente proiettati ai nostri giorni i temi sono più veri che mai e vi sfido a sostenere il contrario, magari cambiano gli scenari e sicuramente i contesti ma se avrete voglia di leggere i libri originali o Le Ragazze di Jane Austen vi renderete conto di quanto fosse moderna e precorritrice quella diavolessa di Jane Asuten. Quindi: grazie per la bella iniziativa che sposo con piacere 🙂